Che dire?

Che titolo al mio post eh? Beh, è proprio così che mi sento in questo momento..

Ho avuto momenti migliori, ne ho avuti anche di peggiori, e adesso quindi come sto?

Quando frequentavo il Gruppo la domanda a cui ci veniva chiesto di rispondere durante una meditazione scritta era proprio questa qui.. Camilla come stai? Posso distinguere benissimo la parte fisica e la parte mentale.

Fisicamente sto bene, nonostante la mia ultima Pet faccia vedere che la malattia è progredita, non ho dolori, fastidi, nulla. Quindi bene così!

Poi però la mente mi mette i bastoni tra le ruote e mi fa vedere particolarmente buio. A quel punto cosa succede? Ho imparato a chiedere aiuto. Che bella cosa dire e dirsi “non ce la faccio, mi puoi aiutare?” !!

Un sacco di persone, in questo caso palloncini, mi hanno scritto, chiamato, capito, afferrato, abbracciato, baciato, guardato negli occhi senza dire nulla.. Sono felice di avere accanto persone così speciali!

Venerdì 30 ho appuntamento con una dottoressa in un altro ospedale per decidere la mia nuova terapia.. Non sarò sola, la mia Meravigliosa mi accompagnerà.. Non mi ha mai mollata un secondo ed io l’ho sentita sempre vicina a me nonostante ci vedessimo e sentissimo meno.. So che ho un posto speciale nel suo cuore e lei nel mio.. Deve solo scegliere un colore!! 😛

Per poter andare all’appuntamento con la dottoressa, mi hanno dovuto presentare fisicamente il mio primario. Un piccolo pezzetto di me, Quel piccolo pezzetto di me, quello da cui tutto è iniziato, è qui con me. Ci dovrei parlare credo.. Vorrei chiedergli di placare il mio leone, vorrei piangere e chiedergli di andarsene, vorrei che non fosse mai venuto da me, vorrei che non mi spaventasse più così, vorrei che congelasse all’istante tutti i suoi sottoposti.. Vorrei.. No!! Non so DAVVERO quale sarebbe il desiderio che esprimerei in questo momento! Perchè in realtà la mia vita, complicata, ingarbugliata, piena di dottori, medicine e ospedali, mi piace.

La razionalità che a volte mi abbandona, quando è bene presente mi fa capire che quello che ho è fenomenale!

Quindi dopo essermi rilassata, grazie alla febbre, per tre giorni sul divano con i miei pelosi, si ricomincia a vivere sorridendo!

Ho avuto bisogno di ricaricare le energie e il mio corpo me l’ha imposto.. Devo imparare ad ascoltarlo di più!

Lo farò!!dan dan

One thought on “Che dire?

  1. Ciao Cami!

    Riesci bene a spiegare quell’atmosfera interiore strana in cui un po’ si vorrebbe parlare, un po’ non si sa bene cosa dire…
    Non fa nulla. Parla! Poi spesso le parole si incolonnano da sole nelle fila dei pensiero logici. 😉 (E se no, pazienza!)

    Anche io vorrei tanto che Quel piccolo pezzetto di te svanisse e smettesse di spaventarti. Lo desidero tanto!
    Vorrei anche mandarti pero’ questo mio abbraccione (per ora virtuale) apprezzando molto con te il ritorno delle energie!
    Sara’ senz’altro merito della vicinanza dei pelosi (e leccosi!) 🙂

    Ciao Stelassa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *